Ander costruksciòn
Lo zen e l'arte di unire l'inutile al dilettevole

31.05.03

Balla con gli hobbit

Il Signore degli Anelli diventerà un musical. La produzione è anglosassone e l'esoridio sui palcoscenici del West-End londinese è previsto per il 2005, in occasione del cinquantenario dalla pubblicazione della trilogia di Tolkien. Anche se il cast artistico, almeno a livello di regia e musiche, sembra essere già stato deciso, avanzerei una modesta proposta per l'interprete del ruolo di Frodo. E' uguale (anche come dimensioni) e pare che sappia pure cantare.

Posted by Marcello at 03:29 | TrackBack

Scambio di cortesie

extra_icon.gif
Sulle nuove regole antitrust che la Federal Communication Commission americana (guidata da Micheal Powell, degno figlio di papà Colin) si prepara a varare lunedì, c'è un bel commento a firma di Ted Turner, pubblicato dal Washington Post. Il fondatore della CNN (nonché ex marito di Jane Fonda) riesce a non nominare mai quello che, secondo le malelingue, sarebbe il maggior beneficiario del provvedimento: un editore australiano le cui testate cartacee e televisive hanno sostenuto con forza la politica di George W.
Sempre secondo le malelingue (la cui campagna contro le nuove regole della FCC è presentata qui), il provvedimento che verrà approvato lunedì sarà, ne più ne meno, un'espressione di gratitudine del governo americano verso l'editore in questione.

Posted by Marcello at 02:41 | TrackBack

Wustel Art

shake_all.jpg
Meglio degli origami: una galleria fotografica di opere da realizzare con wustel e altri residui alimentari. Il testo è in giapponese, ma le istruzioni sono perfettamente comprensibili.

Posted by Marcello at 01:40 | TrackBack

Mi faccio la barca

ex_aircraft_carrier_01.jpgIl cabinato da dodici metri è fuori moda. Il ferro da stiro da 500 cavalli è da coatti. Il veliero è scomodo da manovrare. Lo yatch è da parvenue. E allora? Stupite i vostri amici con una barca veramente spettacolare, fate crepare d'invidia i cialtroni arricchiti e gli sceicchetti arabi: su questo sito è in vendita una portaerei da 19.890 tonnellate, completa di catapulta per i decolli, due motori a turbina, 3 radar e 5 motori (quattro turbocompressi e uno diesel). Il prezzo è un po' altino (4.5 milioni di dollari), ma con le rate, ormai, si può comprare di tutto.

Posted by Marcello at 00:59 | Comments (1) | TrackBack

30.05.03

Caccia al tesoro

Sulla telenovela della ricerca delle armi di distruzione di massa di Saddam, Billmon pubblica sul suo blog un ricco riassunto delle puntate precedenti: tutte le dichiarazioni di Geroge W., Dick, Colin, Condoleeza e compagnia dall'agosto 2002 ad oggi, in rigoroso ordine cronologico. E' una lettura particolarmente divertente, oltre che una lezione di raffinata politica estera.

Posted by Marcello at 00:26 | TrackBack

29.05.03

Chi le spara più grosse?


"Mai più mezza lira agli stronzi romani"
"Riusciremo a piegare quei banditi romani"
"La Roma dei porci ha spogliato il nord"


Umberto Bossi - Bergamo, Febbraio 1998
Comizio della Lega Nord

erminiamazzoni.jpg
"Queste frasi rientrano nel contesto delle invettive squisitamente politiche rivolte dall'attuale ministro delle Riforme nei confronti del sistema fiscale e di spesa pubblica che alimentavano asseritamente meccanismi centralistici di clientela e di corruttela. Quanto queste valutazioni siano strettamente connesse all'attività parlamentare dell'on. Bossi e del movimento politico da lui capeggiato è reso evidente dalle innumerevoli proposte di legge in materia di federalismo, anche fiscale, avanzate in parlamento."

On. Erminia Mazzoni, UDC - Roma, Maggio 2003
Relazione alla Giunta parlamentare per le Autorizzazioni a procedere

Posted by Marcello at 01:13 | Comments (1) | TrackBack

28.05.03

Quanto pesa un chilo?

kilo1.jpgDeflazione, recessione, crisi globale: siamo nella merda. Persino il kilo ha perso qualcosa. Cinquanta microgrammi, più o meno il peso di un grano di sale. Ma andate a moltplicare questo deficit su ogni possibile misurazione di massa, e vi renderete conto del problema. Se un chilo pesa un'anticchia meno di un chilo, quanto oro manca all'appello nelle casse della Federal Reserve americana? Quanta insalata in meno vi danno al mercato? Quanto fumo vi frega il vostro pusher? Ok, proviamo a spiegare tutto dall'inizio.

C'è questo articolo del New York Times (registrazione gratuita) che descrive l'origine del problema. Prima della fine dell'800, il chilo era definito grossolanamente come la massa di un litro d'acqua. Qui già ci sarebbe da chiedersi come si definisse un litro, ma se cominciamo a porci queste domande rischiamo di divagare e non capirci più un cazzo. Insomma, visto che il litro d'acqua era un valore difficilmente misurabile con sufficente precisione, nel 1875 viene fondato un comitato internazionale a cui viene demandato l'arduo compito di trovare una soluzione. Si tratta del BIPM (Bureau International des Poids et Mesures), con sede a pochi chilometri da Parigi, presso il Pavillon de Breteuil. In una cassaforte di questo edificio è conservato il prototipo del chilo, l'unità di riferimento originale che, dal 1880, indica con precisione assoluta (in base alle convenzioni) quanto pesa un chilo. E' un innocuo un cilindretto metallico, realizzato in una lega composta al 90% di platino e al 10% di iridio. Questo oggettino, di cui esistono varie repliche, è il chilo primordiale, il dio della massa, il vero e unico chilo puro su cui si basano tutti i sistemi di misurazione del peso di un corpo fisico. Se ne sta tranquillo e indisturbato in una cassaforte, sotto una doppia campana di vetro, sottovuoto. E una volta all'anno, in un cerimoniale mistico, viene tirato fuori da una triade di scienziati per essere venerato, soppesato e misurato.
La fregatura è che negli ultimi controlli gli scienziati si sono resi conto che il chilo sta degradando. Ha perso peso, è sciupato. Ha bisogno di un sostituto in grado di durare nel tempo senza alterazioni. Problema non da poco.

La soluzione, secondo un team di studiosi tedeschi, dovrebbe essere quella di realizzare uno sferoide di cristalli di silicio. Conoscendo le caratteristiche atomiche del silicio e le dimensioni degli atomi che lo compongono, la distanza che separa un atomo dall'altro e la dimensione esatta della sfera, si può facilmente (dicono loro) calcolare quanti atomi compongono l'oggetto. Questo numero corrisponderebbe dunque al nuovo chilo, scientificamente misurabile con precisione assoluta, fisso e immutabile nei secoli dei secoli. Amen.

Posted by Marcello at 01:55 | TrackBack

27.05.03

2050: Totti contro Terminator


La soluzione definitiva alla crisi del calcio arriverà nel 2050. Entro quella data potremo assistere alla prima partita tra umani e robot. Sul progetto stanno lavorando diverse equipe di scienziati, tra i quali il team di ricercatori della Scuola Superiore Sant'Anna, diretta da Riccardo Varaldo. Che spiega su "Il giornale dell'ingegnere":

L'obbiettivo è costruire macchne umanoidi meccatroniche con funzionalità avanzate, come la capacità di correre su un campo di calcio e di pianificare e coordinare strategie di gioco.


La linea evolutiva tracciata tra Italia e Giappone è rappresentata dalla sfida dell'associazione RoboCup: realizzare una squadra di calcio composta da robot umanoidi, in grado di competere nel 2050 con la squadra umana campione del mondo. Unico dubbio: le veline del futuro se la sentiranno di farsi impalare dal pistone pneumatico dei calciatori-automi?

Posted by Marcello at 18:39 | Comments (2) | TrackBack

Arte da cesso

John.jpgPop-art: un utilizzo alternativo dei rotoli di cartone della carta igenica. La galleria di ritratti è opera di tal Luca Varaschini. Applausi.


Posted by Marcello at 02:06 | Comments (1) | TrackBack

24.05.03

El pibe de oro


LeBron James ha compiuto da poco 18 anni, frequenta il college, gioca a basket (entrerà nella NBA in autunno, con i Cleveland Cavaliers) ed ha appena firmato un contratto che lo legherà per sette anni alla Nike, per la modica somma di 90 milioni di dollari.
La notizia renderà certamente felici i suoi coetanei asiatici che lavorano per oltre 60 ore alla settimana nelle fabbriche di scarpe disegnate dalla Nike, guadagnando circa 2 dollari al giorno.

Posted by Marcello at 03:49 | Comments (1) | TrackBack

Stranabanana

kwbanana.jpgEternamente diverso da se stesso. Irripetibile. A volte brutto, a volte geniale, altre ancora semplicemente banale. Si chiama Strange Banana ed è un sito il cui design viene generato casualmente da un programma. In pratica, ogni volta che cliccate su Reload, la pagina vi apparirà con una grafica diversa. Sono indeciso se considerarlo affascinante o inquietante.

Posted by Marcello at 03:05 | Comments (2) | TrackBack

La vita, l'universo e Doctor Who

titles_100.jpgDouglas Adams, indimenticato autore radiofonico e scrittore (sua la leggendaria Guida Galattica per Autostoppisti, trilogia in quattro volumi sulla vita, l'universo e tutto quanto), ha lasciato questo pianeta all'età di 49 anni. La sua eredità comprende, tra le altre cose, alcune sceneggiature per uno dei più celebri serial televisivi anglosassoni, Doctor Who. Non molto conosciuto dalle nostre parti (qualcuno ricorderà forse il film degli anni '60 "Daleks, il futuro tra un milione di anni" o la manciata di episodi interpretati da Tom Baker trasmessi dalla Rai a metà degli anni '70), il buon dottore è un signore del tempo, che viaggia tra passato e futuro a bordo di una time machine a forma di cabina telefonica. Questo mese la BBC ha rimesso mano a "Shada", uno degli script di Adams, la cui trasposizione televisiva era rimasta incompiuta a causa della cancellazione della serie, realizzandone una versione animata in Flash. Suddivisa in sei episodi di 28 minuti ciascuno, è visibile sul sito dell'emittente anglosassone cliccando qui.

Posted by Marcello at 02:46 | TrackBack

23.05.03

Mai più senza: la camera gonfiabile

Non è stata progettata per risolvere il problema della crisi degli alloggi. Ma tra i gadget ultralusso che si vedono in giro ultimamente, direi che questo riassume le migliori qualità: design raffinato, peso contenuto (dodici chili con la sua pratica borsa), montaggio rapido (tre minuti con la pompa acclusa), inutilità totale. Si chiama Cloud, viene prodotta da un'azienda svedese ed è una stanza gonfiabile. Non ho idea di quanto costi (ne di cosa me ne farei: di gonfiabile, tuttalpiù, sarebbe più utile una bambola). La metto subito in cima all'elenco dei miei prossimi acquisti impossibili.

Posted by Marcello at 02:56 | Comments (5) | TrackBack

DIY: i bottoni antipixel

selvaggia lucarelli nuda!Per i maniaci dei bottoni "anti-pixel" (ne parla Neri in questo post, qui la sua collezione, qui un'altra raccolta) c'è un tool che permette di 'fabbricarseli' sul web, in modo semplice ed indolore. Basta inserire il testo desiderato, scegliere i colori e la posizione delle scritte. Lo trovate qui.

Posted by Marcello at 01:52 | Comments (4) | TrackBack

22.05.03

Dead man walking

E' durata meno di mezza giornata l'agonia di Brontolo, il primo blog suicida. Giusto il tempo di raccogliere oltre 120 commenti al suo post d'addio. Dal primo pomeriggio, il fantasma del nanetto ha ricominciato a postare a raffica. Per fortuna.

Posted by Marcello at 18:19 | Comments (1) | TrackBack

Supertelegattoni

A più di un anno dalla sua prima apparizione, torna sui teleschermi americani Meow Tv, il primo programma televisivo interamente realizzato per il pubblico felino. Sponsor della trasmissione, in onda su una cable tv, è ovviamente un'industria che produce cibo per gatti, la Meow Mix. Il programma, di cui parla anche questo articolo della CNN, offrirà trenta minuti alla settimana a partire dal 30 maggio, con riprese mozzafiato di scoiattoli in fuga sugli alberi, palline che rimbalzano sullo schermo, primi piani di passeracei e altre immagini in grado di catturare l'attenzione del gatto di casa. Molto meglio di Porta a Porta, insomma.

Posted by Marcello at 02:28 | Comments (1) | TrackBack

21.05.03

Beneficenza, american style

Strano popolo, gli americani. In un paese dove oltre 32 milioni di persone vive sotto la soglia della povertà (qui qualche dato), le loro preoccupazioni prioritarie rimangono - in linea con il diritto alla felicità sancito nella costituzione - puramente edonistiche. Non sorprende quindi che il senso di colpa riguardo agli homeless arrivi addirittura a promuovere forme di beneficenza mirate alla soddisfazione di esigenze tutt'altro che primarie: questo sito, ad esempio, raccoglie sottoscrizioni per offrire ai senza fissa dimora, prima ancora che un tetto, una forma qualsiasi di assistenza sociale o sanitaria, della birra. Emblematica la testimonianza di uno dei fruitori del servizio:

"Before the guys from Beer For The Homeless came along, I had been forced to stop people on the street and ask for change. Now, I am holding my head up high and drinking good beer without bothering anyone."

Contento lui...

Posted by Marcello at 02:57 | Comments (1) | TrackBack

Matrix? E' una pizza...

pizzamatrix.jpgE se il plot di Matrix fosse stato incentrato sull'annoso tema della produzione della pizza? Il risultato, probabilmente, sarebbe questo: la sceneggiatura completa arricchita dalle immagini ritocatte a Photoshop, i dialoghi riscritti e un videoclip con musica rigorosamente hard rock (17 Mb in formato .avi e compressione DivX, si consiglia l'uso di BitTorrent per il download).

Posted by Marcello at 00:42 | TrackBack

20.05.03

Esclusivo: la t-shirt tarocca di personalità confusa

Nella migliore tradizione dei pataccari, prima ancora che l'originale sia disponibile, ecco la t-shirt più trendy della blogosfera in versione tarocca. Praticamente uguale a quella di Alessia, salvo per i materiali utilizzati (20% cotone idrofilo, 79% poliuretano espanso, 1% fuffa), è lavabile in acqua tiepidina (completamente biodegradabile, si dissolverà al primo passaggio in lavatrice), e può essere facilmente personalizzata al momento dell'ordine con tutti i suoi optional (maniche, cuciture, taschino frontale sul retro, collo a V, girocollo a cappio, piega portasigarette sulla manica di sinistra o su quella di destra o anche su quella centrale). Disponibile in taglie S, M, S/M (in cuoio nero), L, XL, Y e ZZ. Il ricavato dalla vendita andrà in beneficenza per le famiglie dei camorristi ingabbiati.

Posted by Marcello at 19:27 | Comments (6) | TrackBack

Dopo i blog, i wiki?

twikilogo2.gifAnche il New York Times (accesso gratuito, richiesta registrazione) si accorge dell'esistenza dei wiki, le piattaforme di content management collaborative per realizzare siti web collettivi. Lo fa con un articolo nel quale si ipotizza che i wiki possano diventare "the next big thing" nel business del web, dal momento che ad utilizzare questi sistemi sono parecchie grandi corporation nelle loro intranet. L'idea non è peregrina, e stimolerebbe a tentare esperimenti ulteriori. Magari aprire un sito basato su TWiki ad accesso libero, in cui ogni navigante possa leggere, aggiungere pagine, editare i post degli altri. Tanto per vedere quante ore sarebbero necessarie per assistere alla trasformazione del sito nell'equivalente delle leggendarie segreterie telefoniche aperte di Radio Radicale.

Posted by Marcello at 16:36 | Comments (1) | TrackBack

Le relazioni pericolose

Esiste una relazione diretta tra la taglia delle scarpe e la dimensione del pene? Prima di fornire una risposta all'amletico dubbio, s'impone una riflessione: se la niù economy è crollata, lo si deve in parte anche alla mancata globalizzazione ed universalizzazione delle unità di misura relative ai capi d'abbilgiamento. L'esempio più emblematico riguarda il ramo delle calzature: se vado in un negozio di scarpe, posso provarne diverse paia prima di decidere quali acquistare, in base a parametri soggettivi (calzano bene? sono comode?). In rete, questo non è possibile. Anzi, la difformità nell'indicare il valore più importante (la taglia) nelle diverse aree del pianeta, rende la scelta un'impresa quasi disperata. Che relazione c'è fra la taglia 42 italiana, la 8 anglosassone o la 8 e mezzo americana? Se ci fosse un parametro comune, probabilmente l'e-commerce ne beneficerebbe immensamente. E se quel parametro fosse la dimensione del pene? Niente da fare, ovviamente: studi scientifici dimostrano che la lunghezza del batocchio e quella del piede non sono assolutamente correlabili. Però in questa pagina c'è una tabella di conversione tra le diverse taglie che prevede, come parametro relativo di raffronto, la dimensione del papero. Se fosse realistica, John Holmes avrebbe dovuto avere scarpe di taglia superiore alla 49.

Posted by Marcello at 02:36 | TrackBack

19.05.03

Drive different

iCar.jpgLadies and gentlemen, ecco l'iCar. E' un po' vecchiotta (probabilmente risale ai tempi dell'iBrator), ma l'ho scoperta solo ora. Meglio della Smart, a occhio e croce. E senza dubbio, meglio delle BMW con WindowsCE a bordo.

Posted by Marcello at 18:20 | Comments (1) | TrackBack

Modding estremo: il Mac fatto col Lego

i-1_B_T.jpgPrendete un vecchio PowerBook 5300 con lo schermo rotto, smontatelo pezzo per pezzo e riassemblatelo in uno chassis realizzato con i mattoncini del Lego rubati a vostro figlio. Et voilà, ecco un originale soluzione per riciclare un ottimo computer inservibile e finire, tra l'altro, sull'home page del sito di news della BBC. E' accaduto a Daniele Procida, consulente Apple in quel di Cardiff. Il suo LegoMac, dopo qualche anno di onorato servizio sul tavolo dei bambini, è ora all'asta su eBay. Dal prezzo base è già volato a 180 sterline (tutto sommato, direi che è ancora un affare). L'asta si chiude dopodomani. La tentazione di riesumare il mio vecchio PowerBook 150 e foderarlo con il pongo è quasi irresistibile....

Posted by Marcello at 00:36 | TrackBack

18.05.03

Quanto vale un voto?

Due anni fa, il tariffario di Cosa Nostra prevedeva un costo di 40.000 lire per ogni voto acquistato da un candidato alle elezioni.
Oggi il voto di scambio, comprovato grazie all'ausilio del videotelefonino, ha un valore stimato intorno ai 50 euro. Credo che l'Istat debba rivedere i propri parametri per il calcolo dell'inflazione.

Posted by Marcello at 14:24 | Comments (4) | TrackBack

Questo DVD si autodistruggerà entro 48 ore

dvdburned.jpgSiamo un popolo di pigri. Evitiamo di affittare film in videoteca perchè frenati dall'idea di doverli riportare indietro entro due giorni, con la spada di Damocle delle penali sul ritardo nella riconsegna. Ma grazie al sistema EZ-D della Flexplay, non avremo più scuse. Il nostro prossimo DVD noleggiato si autodistruggerà entro 48 ore dall'apertura della confezione. L'idea è decisamente geniale. Con una tecnologia sviluppata dalla GE Plastics, si fabbrica un disco la cui superfice è coperta da polimeri che si ossidano una volta entrati a contatto con l'aria. Il disco viene prodotto e sigillato sottovuoto in atmosfera protetta. Basta aprire la confezione per dare inizio al processo di ossidazione: nell'arco di 48 ore, il disco diventa illegibile. A quel punto, potete buttarlo o, se colti da un impeto ecologista, metterlo da parte per spedirlo successivamente ad un centro specializzato nel riciclaggio. La trovata è piaciuta alla Buena Vista, che già si prepara a pubblicare i suoi nuovi titoli sul mercato americano con questa tecnica. Ciascun DVD prodotto in questo modo si comporta come un disco qualunque: è riproducibile su lettori da tavolo o da computer, utilizza le stesse tecniche di protezione dei dischi tradizionali, può ospitare al suo interno qualsiasi tipo di dati (un film, un videogame, software o quant'altro). La sua superficie, di colore azzurro al momento dell'apertura della confezione, diventa nera nell'arco di due giorni. A quel punto, il disco diventa inutilizzabile. Due giorni, comunque, sono un mucchio di tempo: per farsene una copia con un normale masterizzatore, bastano un paio d'ore.

Posted by Marcello at 01:58 | TrackBack

17.05.03

Mai più senza (James Brown non aveva capito un cazzo)

Virtual Sex MachineThe incredible, amazing Virtual Sex Machine. Praticamente uno stimolatore per l'organo sessuale maschile collegabile a qualsiasi Pc, in grado di sincronizzare i suoi vibranti movimenti con le immagini di un film porno per simulare una perfetta suzione del membro. La pubblicità è inquietante: il video promozionale, oltre a decantare le doti dell'apparecchio, evidenzia gli indiscutibili vantaggi del sistema proponendolo come valida alternativa in caso di indisponibilità femminile ("Hai le tue cose? E io ho il mio coso. Alè"). Il diabolico marchingegno è disponibile alla modica cifra di 369.69 dollari, spese di spedizione escluse.

Posted by Marcello at 02:19 | TrackBack

Piccoli omicidi tra amici

crimescene.gif
Un'idea originale per un rallegrare un party o intrattenere gli ospiti di una convenscion? Questi tizi, su richiesta, vi organizzano un omicidio. Perfetto in tutti i dettagli, comprensivo di movente, arma del crimine, indagine, interrogatori e indizi sparsi sulla scena del delitto. Il cadavere di turno è quello di un attore, ma gli effetti speciali rendono il tutto assolutamente credibile. A metà strada tra un gioco di ruolo, una performance di teatro d'avanguardia e una stronzata paurosa, i delitti organizzati di Murder One sono richiestissimi dalle bluechips anglosassoni.

Posted by Marcello at 01:27 | TrackBack

16.05.03

Stampa Estera: le notizie stronze della settimana

news.jpg
Nomen omen: Una giovane coppia cinese ha dato al proprio figlio il nome di Saddam Sars. Il pupo è nato lo scorso venti Marzo, contemporaneamente allo scoppio delle ostilità in Iraq e all'inizio della diffusione del virus SARS.

La forza sia con voi: Una dozzina di mucche si lancia da un precipizio nei pressi dello Skywalker Ranch di George Lucas.

Bad Taste: Un indiano entra nel guinnes dei primati. Il suo record? I peli delle orecchie più lunghi del mondo.

Sfighe solenni: Sopravvive ad un incidente d'auto, esce dalla macchina e precipita in un burrone.

Posted by Marcello at 15:10 | Comments (4) | TrackBack

Star Wars episodio 12: la rivincita del nerd

starwars.jpgStoriella a lieto fine: tanto tempo fa, in una galassia lontana lontana (in Canada, per la precisione), un quindicenne sovrappeso si fa prestare la videocamera da un'amico. Nell'impossibiltà di utilizzarla per riprendere le sue performance erotiche, il pischello gira un video in cui, manico di scopa in mano, finge di essere un cavaliere Jedi. Il problema è che, quando restituisce la videocamera, si scorda di rimuovere il nastro. L'amico (bastardo) scopre l'altarino e provvede immediatamente a metterlo in rete. In pochi giorni il video fa il giro del mondo, intasando le reti peer to peer. Finisce, tra l'altro, nelle mani di Bryan Dube della Raven Software, che aggiunge effetti speciali e colonna sonora, contribuendo alla nascita del mito dello Star Wars Kid.
A quasi un anno dalla diffusione del video, il quindicenne canadese ha finalmente un nome. Lo ha "identificato" Andy Baio, che pubblica sul suo blog la storia di questa leggenda vivente. Andy ha anche lanciato una sottoscrizione: per ripagare il pischello canadese dai danni d'immagine causati dalla diffusione del video, ha messo su una colletta per regalargli un iPod. Sino ad oggi, ha raccolto più di cinquecento dollari.

Posted by Marcello at 03:36 | TrackBack

15.05.03

Sorridi, America: sei su candid camera

chicken.gifAd ottantun'anni suonati, Kurt Vonnegut continua a cantarle chiare ai suoi concittadini. L'autore di Mattatoio n. 5 (l'edizione italiana è in ristampa da Feltrinelli; quella americana la trovate qui) ha raccolto alcune riflessioni sulla strategia dello "Shock and awe", sulla politica estera e sull'economia americana in questo articolo. Scrive tra l'altro Vonnegut:

What has happened to us? We have suffered a technological calamity. Television is now our form of government.

Le riflessioni di Vonnegut partono dalla sospensione della costruzione di un museo dedicato a Mark Twain, per analizzare con amara ironia le politiche dei neocon in fatto di economia, democrazia e sicurezza. Il giudizio sull'attuale classe politica è netto:

What are the conservatives doing with all the money and power that used to belong to all of us? They are telling us to be absolutely terrified, and to run around in circles like chickens with their heads cut off. But they will save us. They are making us take off our shoes at airports. Can anybody here think of a more hilarious practical joke than that one? Smile, America. You're on Candid Camera.

Posted by Marcello at 11:53 | TrackBack

13.05.03

AAA Vendesi sondaggi, prezzi modici

Saldi di fine stagione: Il Nuovo (il sedicente quotidiano indipendente on line del gruppo HDC di Luigi Crespi) annuncia in questa pagina di aver dato incarico all’istituto di ricerche Directa (del gruppo HDC di Luigi Crespi, ca va sans dire...) di elaborare sondaggi sulle elezioni amministrative 2003. Visto che una legge impedisce la diffusione (ma non la vendita) di sondaggi elettorali nelle due settimane precedenti la consultazione, il Gianni Pilo del nuovo millennio ha pensato bene di rendere disponibili questi preziosi documenti dietro pagamento (si accettano carte di credito) di cifre comprese tra i 200 e i 1000 euro. Ci sono anche gli sconti comitiva per chi acquista più pacchetti e abbonamenti. Se mettono pure in omaggio una batteria di pentole per i primi cento acquirenti, mi sa che me ne compro un paio.

Posted by Marcello at 01:19 | TrackBack

12.05.03

Belle speranze

Quest'anno lo scudetto lo ha vinto la Juventus, dedicandolo alla memoria dell'avv. Gianni Agnelli. Ci auguriamo tutti che che il prossimo anno lo vinca il Milan...
(Anonimo)

Posted by Marcello at 23:31 | Comments (1) | TrackBack

10.05.03

Bellicapelli

PanoramaCesare Ragazzi? Un dilettante. Per i problemi di calvizie, sgradevole effetto certamente imputabile alla consueta congiura comunista, rivolgetevi direttamente ai photo editor di Panorama. Sull'immagine di copertina di questa settimana, come segnalato oggi da Repubblica, hanno fatto miracoli. Un ritocchino piccolo e discreto, et voilà: ecco il nostro premier riacquistare un crine folto ed uniforme, a coprire l'impietoso diradamento del pelo sulla nuca.

Posted by Marcello at 15:17 | Comments (2) | TrackBack

Falce, martello & mp3

Non siamo l'unico paese dominato da un potere giudiziario in mano ai comunisti. Secondo questo articolo dell'economista James D. Miller, anche i giudici californiani che qualche giorno fa hanno assolto Grokster e Morpheus altro non sono che avanguardie di un nuovo pericolo rosso. Scrive preoccupato Miller:

"By legalizing Internet file-trading tools, a California court handed a major victory to communism. The Internet allows the well-wired to take copyrighted material freely. Left unchecked, rampant copyright theft may soon destroy the for-profit production of movies, music and books and may usher in an age of digital communism".

L'articolo ha sollevato un vivace dibattito in rete, con commenti piuttosto mordaci, alcuni dei quali raccolti qui. Tra le perle dell'intervento di Miller c'è comunque da segnalare un esempio estremo di questo strisciante marxismo digitale: "Can you imagine college students paying $75 for a textbook they could download for free?" Miii, che paura.

Posted by Marcello at 03:06 | Comments (3) | TrackBack

09.05.03

Canta meglio di come recita

shatner.jpg
La versione di "Lucy in the Sky with Diamonds" cantata dall'ex capitano Kirk, William Shatner, è stata votata "Peggiore cover di tutti i tempi".

Posted by Marcello at 03:29 | TrackBack

Torna a casa, Kermit

kermit.gif
Gli eredi di Jim Henson si sono ricomprati i Muppets. Li avevano venduti alla tedesca EM.TV per la modica somma di 680 milioni di dollari appena tre anni fa. All'epoca sembrava un buon affare. Ora, per il passaggio della Jim Henson Company nelle mani del figlio e delle sue tre sorelle del creatore dei Muppets, EM.TV si è dovuta accontentare di 78 milioni di dollari. Il prossimo che mi viene a parlare di inflazione lo strozzo.

Posted by Marcello at 02:36 | Comments (1) | TrackBack

08.05.03

Mancano 7 giorni alla fine del mondo

Volcano.gifNell'arco dei prossimi 7 giorni il transito di un pianeta tra la Terra e il Sole dovrebbe causare uno stravolgimento del campo magnetico terrestre. L'inversione dei poli avrà come conseguenze terremoti, eruzioni vulcaniche, cicloni, maremoti e altre catastrofi assortite. Ad avvertirci premurosamente dei possibili disagi sono stati dei cordiali alieni, mentre in giro c'è già chi suggerisce come comportarsi in caso di improvviso armageddon. Ovviamente non ci sono prove scientifiche che tutto ciò possa effettivamente verificarsi. Nel dubbio, c'è qualcuno disposto a prestarmi un paio di centomila euro? Glieli restituisco tra una settimana, giuro.

Posted by Marcello at 03:45 | Comments (2) | TrackBack

Original SPQR Pajata

isny.jpgDot-Coma riporta questa notizia secondo cui il sindaco di New York, Micheal Bloomberg, ha assunto un Chief Marketing Officer con il compito di "cercare sponsorizzazioni, merchandising e altre opportunità in grado di generare proventi per la città". Tra le possibili iniziative, c'è la creazione di una linea di prodotti targati New York City e una serie di partnership con aziende interesaste a divenire sponsor ufficiali di New York. L'idea di Bloomberg, in sostanza, è che la grande mela sia anche un brand, e che come tale andrebbe sfruttato e commercializzato a tutti i livelli. L'iniziativa potrebbe essere importata para para anche in Italia. Nella capitale, ad esempio, si potrebbero etichettare con un marchio i prodotti tipici (Official SPQR Pajata sui rigatoni delle trattorie del mattatoio, Original Rome Pollution Emitter sui tubi di scappamento dei pullman turistici) e destinare i proventi del programma di licensing ad iniziative utili alla comunità (tipo togliere questi cazzo di sanpietrini dalle strade e sostituirli con una bella colata di asfalto, in modo da non costringere gli scoteristi a cambiare gli ammortizzatori una volta al mese).

Posted by Marcello at 02:28 | Comments (2) | TrackBack

07.05.03

Un bavagliuolo per la stampa

Tre anni di carcere. E' quello che rischierebbero i giornalisti condannati per diffamazione, in base al testo licenziato oggi dalla Commissione giustizia della Camera, su proposta di Forza Italia. Se il testo verrà approvato dalla Camera, in pratica, il giudice potrebbe condannare il giornalista querelato per diffamazione:

a) ad una pena pecuniaria
b) al carcere, fino a tre anni
c) all'interdizione dai pubblici uffici

Tra la carta costituzionale e la carta igenica, mi sembra che ci siano sempre meno differenze.

Posted by Marcello at 18:48 | Comments (1) | TrackBack

Stampa estera: le notizie stronze della giornata

Peccati di gioventù: Leonardo DiCaprio deporrà davanti ai giudici nel processo che lo vede imputato da cinque anni per aver ordinato agli amici di "prendere a calci in culo" l'ex boyfriend dell'attrice Elizabeth Berkley. Il risarcimento richiesto ammonta a 45 milioni di dollari.

Discriminazioni: Scuola californiana sospende studente con i capelli verdi.

Crudeltà verso gli animali: Disney denunciata per lo sfruttamento illeggittimo di Winne the Pooh.

Sfighe solenni: Un brasiliano incendia la casa nel tentativo di uccidere i moscerini.

Contronatura: Come avere il culo di Natasha Hamiltom, la vincitrice del titolo "Rear of the Year".

Posted by Marcello at 02:42 | TrackBack

Superman? Che nome deprimente

superman.gif
La svezia non è più quella di una volta. Il paese che nell'immaginario collettivo dell'italiota medio era la terra della permissività, giace ora nelle mani di una classe dirigente dalla mentalità ristretta. Uno non può neanche decidere di chiamare il pupo appena nato Superman (come secondo nome, peraltro) che questi ti tirano fuori una legge in base alla quale possono permettersi di rifiutare la registrazione anagrafica, con la scusa che "il nome potrebbe causare disagi a chi lo porta". E' successo ad una giovane coppia, stando a questa notizia dell'Associated Press riportata da Yahoo. Commovente la reazione del padre: "Volevamo chiamarlo David Rune Staalman Leisten", ha dichiarato il signor Liderger (Staalman è il nome svedese di Superman, ndr.). "Sarebbe stato molto peggio se l'avessimo voluto chiamare Fantomen (The Phantom) o Tarzan". Spero che l'anagrafe svedese accetti almeno i nomi Jedi.

Posted by Marcello at 02:01 | TrackBack

06.05.03

E adesso fammi le fusa

Ha ereditato quasi mezzo milione di sterline (una casa del valore di 350.000 pounds, e un capitale vincolato in un fondo di investimento). Il suo nome è Tinker, la sua età è di otto anni, il suo pelo è nero. Ebbene sì: Tinker è un gatto. Tutti i particolari in cronaca, su questo articolo del Times.

Posted by Marcello at 03:07 | TrackBack

05.05.03

E' cacca benedetta!

pannolini.jpgDa una parte ci sono gli scienziati tedeschi, i cui esperimenti dimostrano come il virus della SARS sopravviva nell'ambiente per oltre 24 ore. Dall'altra quelli di Hong Kong che, come spiega questo articolo di Repubblica, "aggiungono il virus alle feci di adulti, nelle quali ha dimostrato di sopravvivere per sei ore, e a quelle di bambini, dove è rimasto in vita per tre ore. Una differenza legata all'acidità: più è alta, minore è la sopravvivenza del virus.". Se ne deduce che, da domani, andremo tutti a caccia di pannolini usati, da utilizzare al posto di panni e detersivi per disinfettare l'ambiente. Sbaglio?

Posted by Marcello at 00:21 | Comments (3) | TrackBack

04.05.03

Concerti del cuore: lista

Ha cominciato EmmeBi, Mantellini ha raccolto la palla al balzo. Lo faccio anch'io, rispolverando da un cassetto un albumetto di vecchi biglietti. In rigoroso ordine cronologico.

1) Peter Gabriel - Ferrara, 5 Luglio 1983
Showtime Tour, poco dopo la pubblicazione del doppio "Plays Live". Erano i tempi di Shock the monkey, qualche mese prima l'ex genesis aveva tentato il suicidio scagliandosi da una liana contro una spia sul palco dell'Ariston al festival di Sanremo.

2) The Police - Roma (Palaeur), 30 Gennaio 1984
Prima delle due date romane del synchronicity tour, ultimo per il terzetto anglosassone. Per fortuna nessuno mi aveva detto che stavano per sciogliersi.

3) David Gilmour - Londra (Hammersmith Odeon), 30 Aprile 1984
Tour del primo disco dopo lo scioglimento dei Pink Floyd, About face. Classe ed eleganza da vendere, e Comfortably numb e Run like hell ai bis. Pazzesco.

4) AC/DC - Nettuno (stadio del baseball), 5 Settembre 1984
La campana di Hell's Bells, i cannoni su For those about the rock, Angus Young con i pantaloncini corti... per fortuna certa gente non cambierà mai. Come gruppo spalla c'erano i Motley Crue.

5) Frank Zappa - Roma (Tenda 7Up), 15 Ottobre 1984
Quell'anno il duca delle prugne fece tre concerti consecutivi a Roma, ognuno di 2 ore e mezza, ognuno completamente diverso: la scaletta cambiava radicalmente da una sera all'altra. Peccato non averli visti tutti e tre.

6) U2 - Bologna (Tenda Parco Nord), 6 Febbraio 1985
Unforgettable Fire tour. Erano quasi dei pischelli, ma suonavano con un'energia unica.

7) Genesis - Roma (Stadio Flaminio), 17 Maggio 1987
Tour di Invisible Touch, supporter Paul Young. Palco da kolossal con impianto luci immenso, inevitabile lacrimuccia nostalgica sui classici delle loro origini.
Dieci giorni dopo, sempre al Flaminio, ci fu il concerto degli U2 (supporter: Pretenders). Dalle abitazioni limitrofe, centinaia di persone chiamarono i vigili del fuoco: le vibrazioni sembravano quelle di un terremoto.

8) Marillion - Bologna (Arena Rossini), Agosto 1985
L'arena era il cinema all'aperto di un dopolavoro ferroviario. Progressive Rock di forte impatto, molto prima dell'abbandono del cantante originale (Fish).

9) Big Country - Modena (Palasport), estate 1986
Gli U2 avevano fatto successo, i Simple Minds vendevano un botto di dischi, i Big Country non se li filava nessuno. Non ho mai capito perchè: erano una grande band. Il cantante, Stuart Adamson, si è suicidato l'anno scorso.

9) Van Halen - Roma (Palaghiaccio di Marino), 1 Aprile 1993
In assoluto uno dei concerti più divertenti che abbia mai visto. Va bè, non c'era David Lee Roth (al suo posto cantava Sammy Hagar), ma lo spettacolo era comunque notevole.

10) R.E.M. - Roma (Palaeur), 22 Febbraio 1995
Mi pare che fosse il tour di Automatic for the People. Per due volte, il gruppo elettrogeno non resse l'impatto sonoro della band, facendo saltare tutto. Stipe era incazzato nero. Supporter Grant Lee Buffalo, un terzetto i cui primi tre dischi andrebbero insegnati nelle scuole.

Ce ne sarebbero molti altri, ma questi sono i fondamentali. Aggiungo per la cronaca: Spandau Ballet (1986: il cantante durante lo show inciampò su un cavo e cadde rovinosamente a terra, un grande momento di comicità involontaria), Level 42 (Mark King, grande 'slapper', suonava il basso tenendolo praticamente all'altezza del collo), il Boss (l'ultima volta a Londra, tre anni fa, con la E-Street Band), e mi fermo che sennò non finisco più.
Il prossimo? Peter Gabriel, Growing Up tour. Al palasport di Ancona, tra una settimana esatta. Alè.

Posted by Marcello at 03:24 | Comments (5) | TrackBack

03.05.03

Le buone notizie non vengono mai da sole

daniele.jpg Hanno scatenato un discreto putiferio gli interventi di Daniele Silvestri e Meg dei 99 Posse al concerto del Primo Maggio. Ad innescare la miccia della polemica è stato il consigliere d'amministrazione della Rai Veneziani, con una letterina indirizzata a presidente e colleghi del CDA. Veneziani lamenta "l'uso ideologico e fazioso del servizio pubblico nella totale noncuranza delle raccomandazioni della commissione parlamentare di vigilanza, ed aggravato in questa circostanza dalla subdola utilizzazione di una manifestazione musicale". Gli fa eco il membro cattolico del CDA, Rumi, che afferma: "... mi sembrava di aver capito che avessimo preso un indirizzo per cui queste manifestazioni dovessero essere resocontate in appositi contenitori e sempre in formula giornalistica, in chiave di contraddittorio. Grosso modo, questa mi sembra la soluzione giusta" (salvo poi rendersi conto dell'oggettiva difficoltà di organizzare un concerto sponsorizzato da Confindustria e condotto da Brunovespa con cantanti del calibro di Ombretta Colli). Ma la perla di Rumi è questa: "Da storico mi rendo conto che il Primo Maggio ha una sua tradizione (...) Ma se le manifestazioni diventano un'altra cosa, bisogna rifletterci".
Non so per quale oscura ragione, ma fino ad oggi ero convinto che lo scopo di una 'manifestazione' fosse quello di manifestare il proprio pensiero. Probabilmente mi sbagliavo. L'impressione, comunque, è che tiri un'arietta da MinCulPop, con sottili tendenze maccartiste e liste bulgare di proscrizione.

Quanto alla buona notizia di cui si parlava nel titolo, eccola qui: è più di una settimana che Sonia Cassiani non aggiorna il suo blog. Contenti?

Posted by Marcello at 02:23 | TrackBack

02.05.03

Un posto al sole, un dominio a gratis

pic_sm_03.gifTokelau è un angolo di paradiso composto da tre microscopici atolli, abitati da circa 1.500 persone. Per arrivare a Tokelau è necessario affrontare un viaggio piuttosto complicato. Si può partire da Brisbane in Australia o da Los Angeles, con scalo ad Honolulu, atterrando ad Apia, nelle isole polinesiane di Samoa. Da qui, non rimane che farsi 42 ore di nave. Tra qualche secolo, magari, il teletrasporto renderà il viaggio meno complesso.
Viste le premesse, è evidente che l'economia di Tokelau non offra grandi prospettive. A parte un piccolo business, comunque interessante: internet. Gli abitanti di Tokelau sono titolari del suffisso .tk, con il quale hanno deciso di arrotondare lo stipendio. Come? Vendendo domini, ovviamente. E per rendere popolare (e prezioso) il suffisso .tk, hanno deciso di offrire la registrazione gratuita di qualsiasi dominio. Se volete registrarvi "Pippoplutoepaperino.tk" o "vivalapappacolpomodoro.tk", basta andare qui e riempire un modulo in linea. Se avete uno spazio web gratuito, potete reindirizzare l'url sul vostro sito. Dov'è il business? Nel valore aggiunto, ovviamente. Ovvero nell'offrire servizi supplementari (titolarità del dominio, gestione del DNS) o nella registrazione di domini ad alto valore commerciale. Insomma, scordatevi sex.tk o news.tk: quelli costano. Anche i trademarks sono a pagamento: per registrare il dominio di una delle società indicate nell'indice Fortune 500, bisogna pagare. Dal momento che il nome di questo blog non rientra in nessuna delle categorie testè indicate, ho potuto registrarlo gratuitamente. Da oggi, potete arrivare qui anche attraverso l'url www.andercostrukscion.tk. Sono curioso di vedere se qualcuno lo utilizzerà.

Posted by Marcello at 14:54 | Comments (2) | TrackBack

Buona notte, scopate bene...

gutvik.jpgLegno massiccio, divisibile in due lettini indipendenti, completo di scaletta installabile sia sul lato destro che su quello sinistro. Il problema di questo innocentissimo letto a castello per bambini, venduto da Ikea, è solo il nome. Si chiama Gutvik. Come una ridente cittadina svedese. Incidentalmente, stando a quanto riporta Avanova, il termine Gutvik in Germania ha tutto un altro significato: "Buona scopata". Ops.

Posted by Marcello at 03:16 | Comments (1) | TrackBack

Il grande fringuello

birds.jpgMentre dalle nostre parti fervono le dotte disquisizioni sull'opportunità di diffondere le ciulate in diretta del grande fratello in orari protetti (l'81% dei lettori di Repubblica.it, stando a questo sondaggio, sarebbe contrario; solo il 4%, evidentemente privo di altri supporti visivi per pratiche onanistiche, è invece favorevole), in Svezia un sedicente artista ha messo in rete un live-streaming in diretta - senza censure - che mostra le allegre giornate di un gruppo di uccelli, ripresei da una webcam installata nel loro nido.

Posted by Marcello at 02:54 | TrackBack