Ander costruksciòn
Lo zen e l'arte di unire l'inutile al dilettevole

« Mortacci | Home Page | La sugna sui tasti »

28.06.03

Lettera al presidente

moore.jpgDi missive ai capi di stato se ne spediscono parecchie, in questi giorni. C'è quella di EmmeBi, relativa all'appello lanciato dai bloggers per la concessione della grazia a Sofri. E ad un'altro presidente, straordinariamente simile a quello del nostro consiglio dei ministri (almeno sul fronte del Q.I.), è indirizzata questa lettera. A scriverla è un rompicoglioni di professione, un'uomo che crede ancora in valori come morale ed etica, roba che dalle nostre parti non usiamo neanche per incartare il pesce al mercato. Si chiama Michael Moore, e per chi non lo conoscesse si raccomanda la visione immediata di questo film o la lettura di questo libro. Di lettere al signor George W. Bush, Moore ne ha scritte parecchie, ultimamente. Sino ad ora, senza ottenere risposte.

Iniettato da Marcello alle 02:36 | TrackBack
Commenti

Figurati, Bush non ha risposto neanche a me che l'ho chiamato geneticamente "genio". ciao

Posted by: Pattinando at 29.06.03 18:40

Post a comment

Grazie per esserti registrato, . Ora puoi commentare. (sign out)

(Se non hai mai lasciato un commento da queste parti, il tuo primo intervento dovrà essere approvato dal tenutario del blog prima di apparire. Fino ad allora, cerca di avere pazienza.)


Devo ricordarmi di te?