Ander costruksciÚn
Lo zen e l'arte di unire l'inutile al dilettevole

« Buona la prima | Home Page | Io ce l'ho profumato »

15.06.05

Bolle di silenzio

wavebubble.gifSecondo gli studi di Edward T. Hall ogni essere umano tende a mantenere intorno a sŤ uno "spazio personale", mantenendo una distanza pari a circa 4 piedi (1.2 metri) tra il proprio corpo e quello degli altri. La violazione di questo spazio provoca disagio, specialmente se accompagnata da interferenze disturbative come le conversazioni al telefonino di chi ci circonda. La soluzione al problema Ť un semplice jammer, un apparecchietto in grado di interferire sulle frequenze utilizzate dai cellulari (ma anche su quelle di apparecchi wi-fi e RFID) isolando l'utilizzatore in una "wave bubble" imperbeabile ai disturbi da provocati da questi elementi. In pratica, a chi oltrepassa il vostro spazio personale conversando al cellulare, casca la linea. Semplice, geniale e, molto probabilmente, illegale. Qui tutte le istruzioni per costruire la vostra wabe bubble (pdf, 13 Mb circa). Se preferite la pappa giŗ cotta, qui c'Ť chi vende un phone jammer bello e pronto (meravigliosamente simile ad un normale cellulare), al modico prezzo di 240 dollari.

Iniettato da Marcello alle 23:59 | TrackBack
Commenti

Credo si chiami anche spazio prossemico, o bolla prossemica, e quella di 4 piedi credo sia una distanza media, ognuno ha il proprio tant'Ť che ci sono persone che parlano a 2 cm dal naso degli altri senza capire il fastidio che possono dare (tipo a me, che ho uno spazio prossemico di circa 2 metri, belle gnocche escluse).
Cosž, giusto per fare il saputello, ma magari mi sbaglio.

Iniettato da: cofano at 16.06.05 00:46

Se qualcuno mai volesse farmi un regalo.... ecco quello giusto. Lo so sono un misantropo...

Iniettato da: herbert s at 20.06.05 19:20


Creative Commons License
This weblog is licensed under a Creative Commons License.
Powered by
Movable Type 3.2